METHA Consulting Milano | Consulenza e formazione nel settore Risk Management

Invio telematico Dichiarazione F-gas 2016 (dati riferiti all'anno 2015) entro 31 maggio 2016

21.03.2016 | AMBIENTE

 Entro il 31 maggio 2016 è obbligatorio compilare la “Dichiarazione F-gas” relativa all’anno 2015 per tutte le apparecchiature/sistemi fissi di refrigerazione, condizionamento di aria, pompe di calore, protezione antincendio, contenenti 3 kg o più di gas fluorurati a effetto serra.

 La compilazione e la trasmissione della Dichiarazione si effettua esclusivamente tramite l’apposita Piattaforma istituita presso l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) accessibile al seguente link:

 http://www.sinanet.isprambiente.it/it/sia-ispra/fgas

Ai sensi del D.P.R. n.43/2012 art. 16, l'adempimento è a carico degli operatori delle apparecchiature o dell'impianto, identificati come i proprietari degli stessi, qualora non abbiano delegato a una terza persona il loro effettivo controllo sul funzionamento tecnico. 

Si precisa che l’entrata in vigore del nuovo Regolamento CE n.517/2014 non ha modificato struttura, criteri e contenuti della dichiarazione F-gas. Il valore soglia che permette di stabilire se una apparecchiatura fissa è inclusa nel campo di applicazione della dichiarazione resta quindi fissato a 3 kg di gas fluorurato ad effetto serra, non viene quindi applicata, ai fini della Dichiarazione F-gas la nuova unità di misura espressa in CO2 equivalenti.

Vi invitiamo quindi a verificare se le vostre apparecchiature fisse o mobili di refrigerazione e condizionamento siano soggette a controllo periodico come da Regolamento CE 517/2014 e vi ricordiamo che l’emissione del Registro di Impianto ed i relativi controlli, come tutte le operazioni di Installazione, Manutenzione, Riparazione, devono essere eseguite da Aziende e Personale debitamente certificato ed avente patentino F-gas.

 Il Proprietario/Operatore deve trasmettere all’Autorità Competente (ISPRA) la dichiarazione annuale sullo stato degli impianti di proprietà con carica pari o superiore a 3 kg, pena una sanzione prevista da € 1.000 a € 10.000 (art.6, commi 3°-4°, D.lgs n.26/2013)

ULTIMI TWEET